Estromessi



Estromessi
 
Che fatica rimanere fermi in questi luoghi
Una molla spinge a liberare l’anima
Ingoiarne il succo
Violare la sua candida veste
Estromettere il vento
Dalle grate del destino
Lingue bruciano
Fiamme di desideri in fuga
O liberi
Poi sbatte sugli scogli
La barca che mi conduce
Oltre il cielo la bava di un linguaggio
Sciolto che appartiene al tutto
Estremi siamo
Il volto reso triste o allegro
Da circostanze mute
Da vasti sentimenti
Quanta paura sciolta in quel fiume
Attraversiamo ancora l’alba
Senza essere domani

Post più popolari