Di questo non si può parlare (parole dal bosco)



Di questo non si può parlare (parole dal bosco)

Appartengo a un gruppo esteso
Di alberi sempreverdi
Infilati nel terreno a terrazza
A impedirne lo scivolamento.
Sono il terzo a destra
Appena un po' discostato dalla quercia
Che sembra avanzare
Tanto si è estesa verso il muro che divide
Dalla strada nera, che porta fin sopra , molto oltre
Dove terminano le cime di questo bosco
Lassù poi il paesaggio si fa nudo, mette in mostra la pietra
Su cui appoggia la vetta bianca della montagna.
Dicevo io sono il terzo a destra
Troppo vicino alla casa del boscaiolo
A volte sento la lama dei suoi intenti fin dentro l’anima
Ma so anche che non è il mio momento.
Ancora potrò godere del vento
Potrò annusare le foglie dei pini
Ancora potrò dimorare scoiattoli
Sarò abile nell’indirizzare la mia ombra
Oltre il cancello del cimitero
Avrò accanto una bicicletta e un fiore bianco caduto dal mazzolino
Che hai portato fino qui a ricordare le anime avvolte da questa terra
Ancora potrò vederti allontanare
E seguirti con lo sguardo oltre quella curva
E immaginare l’ultimo tratto illuminato dal tramonto

Post più popolari